BLOG

Possiamo avere tutti i mezzi di comunicazione del mondo, ma niente, sostituisce lo sguardo dell’essere umano. (Paulo Coelho)

Proviamo il ‘Hi-fi’

La comunicazione è alla base di una società, senza di essa non potremmo esistere e l’uomo come gli animali non potrebbero interagire tra di loro. La cosa che differenzia l’uomo è l’evolversi del modo di comunicare con i suoi simili e quello che stupisce è che si é evoluta fino quasi a diventare silenziosa, priva di espressioni naturali, di tono della voce, di una risata che sia finta o vera, di uno sguardo..

Il professionismo è uno standard di competenza e di applicazione del proprio know how tale da rendere il lavoro e l’opera sempre e irrimediabilmente funzionali. Non importa le condizioni avverse che possono presentarsi, un professionista ha una tale conoscenza dei vari risvolti da notare qualsiasi fattore inappropriato e risolverlo senza esitazione per tempo.

Oggi 20 aprile alle ore 11, 42 il Sole entrerà nel Segno del Toro. E’ il momento del trionfo della natura che generosamente ci offre la piena fioritura, un tripudio di colori e profumi che esaltano i sensi e la vista: la Bellezza del creato si rivela in tutto il suo splendore e apre il cuore ad un senso di gratitudine e di contemplazione.

Per qualche tempo si è sentito parlare dell’etica, della trasparenza, dell’onestà. Non sono sicuro che chi ne parlasse si riferisse ai concetti che io conosco. Forse erano termini di marketing.

La cosa che però maggiormente mi preoccupa è che questi termini non solo sono abusati, ma forse sono malcompresi nella loro fondamentale definizione.

Il giorno 20 Marzo alle 23:46 il Sole entra nel Segno dell’Ariete.

Astronomicamente è il momento dell’Equinozio di Primavera, che si lascia l’inverno alle spalle e segna il ciclico rinnovamento della natura.

E’ il magico momento delle gemme in boccio e delle prime fioriture, promessa di abbondante rigoglio della natura che culminerà nelle rose di maggio, con il profumo e la fragranza della bellezza nel successivo Segno del Toro.

Il giorno 19 Febbraio, alle 00: 51 il Sole è entrato nel Segno dei Pesci: è l’ultimo mese invernaleche prepara il grande cambiamento della natura che si predispone alla primavera.

Per analogia, il momento giusto per riflettere e comprendere a cosa e come vogliamo ‘rifiorire’: si sta concludendo il ciclo annuale del percorso del Sole sulla Ruota dello Zodiaco, che sempre inizia nell’ Ariete/Primavera per concludere la sua corsa in Pesci, appunto, il cui elemento è l’Acqua, in cui tutto si riversa e fluisce per generare  consapevolezza e comprensione.

Il 20 gennaio, alle 10.44 il Sole è entrato nel Segno dell’Acquario. La sua rappresentazione simbolica, un uomo che versa dell’acqua da una brocca che reca sulle spalle, rende subito evidente la qualità che gli appartiene: la capacità e il desiderio di offrire, di ‘dissetare’. Sì, perché le conquiste realizzate nella precedente tappa del Capricorno, dopo aver dato gratificazione e soddisfazione, possono ora anche essere condivise, distribuite, appunto.

Le realizzazioni dei singoli possono così contribuire al miglioramento dell’intera collettività: l’Acquario rappresenta anche l’ambiente sociale, lo spirito di amicizia, la possibilità di com-partecipare e collaborare, nell’ottica di migliorare e far evolvere.

Il giorno 22 dicembre, alle ore 00.04 il Sole entrerà nel Segno del Capricorno.

E’ il Solstizio d’Inverno, con le sue giornate gelide, e il freddo tagliente, il giorno con la minima quantità di ore di luce, eppure proprio quello che annuncia la risalita del Sole verso la gloria dei giorni di luce piena: “il giorno natale del Sole invincibile” come veniva chiamato anticamente. E’ questo mix di gelo e di luce che apre il tema del Capricorno: la capacità di puntare all’essenziale, (i rami scheletriti, privi di foglie o gli alberi innevati) e la sicurezza luminosa di portare a compimento, la resistenza/tenacia che ci dà la certezza di conquistare per il futuro. A livello psicologico ci parla di  piena maturità, di distacco e disciplina, di rigore, pur di raggiungere e concludere.

Sabato  22 novembre, alle 10.39, il Sole entrerà nel Segno del Sagittario.

Il suo antico simbolo è legato alla figura mitologica del Centauro (metà cavallo, metà uomo) che tende la freccia nell’arco, pronto a centrare la meta prescelta: ci parla della capacità dell’uomo che, in grado di controllare la sua impulsività, sa incanalarla nel raggiungimento di un obiettivo.

Il 23 ottobre alle ore 13,58, il Sole entrerà nel Segno dello Scorpione.

Stagionalmente è il momento della semina: nascosto sotto le zolle di terra il seme ‘muore’ per poi rinascere come futura piantina.

E’ autunno inoltrato: le foglie, a mucchi sul terreno, macerate dalla pioggia, ci parlano di ripiegamento della natura su se stessa, i colori sfumano, l’atmosfera si fa ovattata.

L’evoluzione della Coscienza

“Il concetto di leadership collaborativa diventa una necessità comune, nel momento in cui il vecchio concetto di leadership, i vecchi metodi che hanno prodotto la costruzione della civiltà attuale e l’attuale sviluppo evolutivo dell’umanità, arrivati a questo punto sono ormai obsoleti ed esauriti. Adesso questo vecchio concetto precipita, per così dire, i suoi stessi difetti, e si rivela quindi totalmente inadeguato a provvedere a una soluzione per l’umanità. Ed è per questo che oggi nel mondo si riscontra un problema di leadership di una portata tale che soltanto il concetto di leadership collaborativa può risolverlo.”

“L’esperienza non è ciò che accade a un uomo. È quello che un uomo fa con ciò che gli accade.”
(Aldous Leonard Huxley)

 Come scritto nel precedente articolo “Come sopra così sotto…”, la Psicosomatica viene intesa in modi diversi a seconda dell’ambito. Molti sono gli autori antichi e moderni che hanno indagato le possibili relazioni tra corpo, mente e spirito, e la scienza compie ogni giorno nuove scoperte a supporto delle loro intuizioni. Qui si vuole proporre un approccio semplice e di buon senso, che aiuti ciascuno a trovare le risposte e le possibili soluzioni ai propri malesseri. Ma queste risposte possono insegnarci anche molte altre cose su noi stessi e sul senso della nostra vita.

Il 23 settembre alle 04,30 -ora legale italiana- il Sole entrerà nel segno della Bilancia (Equinozio d’Autunno).

Il suo Elemento è l’Aria, legato all’uso creativo della mente, alla ricerca, alla vivacità e alla elaborazione.

Il suo simbolo, la bilancia, strumento preciso del pesare, parla da solo, evocando la capacità di riflettere, di soppesare, di valutare prima le proprie idee e intenzioni, poi persone, situazioni e ambienti per scegliere infine per affinità.

Il 23 agosto alle 6,46 della mattina il Sole entrerà nel Segno della Vergine.

Il suo Elemento è la Terra, legato alla ricerca del valore, della stabilità, dell’evidenza.

La Vergine il cui simbolo è una spiga di grano maturo, ci parla di abbondanza, di rendimento, di corretto uso delle nostre risorse, materiali, intellettuali, spirituali, di esperienza maturata nella vita e messa a frutto.

Martedì 22 luglio alle 23,42 (per l’Italia), il Sole è entrato nel Segno del Leone.

Il suo Elemento è il Fuoco, simbolicamente legato al dinamismo, all’esuberanza, all’energia.

E quella del Leone è energia creativa volta alla libera espressione di sé, dei propri talenti, alimentata dal desiderio di mettersi in gioco, di esporsi e di osare con più fiducia e spontaneità ciò che riteniamo importante, frutto della nostra originalità di pensiero e di esperienza della vita.

Medicina Ufficiale-Scienza

Questo paradigma scientifico è diventato un dogma tramandato nel tempo e molti di noi, scienziati o meno, sono convinti che il metodo scientifico sia l’unico modello, l’unico paio di occhiali, valido per comprendere l’universo. Trova la sua origine dalle intuizioni di Cartesio, quindi è una visione che ha 350 anni. Dice che l’universo è una macchina e la Natura funziona secondo leggi meccaniche, ogni cosa del mondo materiale può essere spiegata in funzione della disposizione e movimento delle sue parti. Questa concezione è stata estesa agli organismi viventi e il corpo umano è considerato e trattato più come una macchina; qui vi è una netta separazione fra anima e corpo. Le cause primarie delle malattie sono i batteri o i virus, sono cause esterne, e vanno eliminate, così si avrà la salute. Il modello biomedico scompone il corpo fisico nelle sue parti, concentrandosi su frammenti di corpo sempre più piccoli, questo naturalmente ci ha portato a capire molti meccanismi biologici e funzioni.

“La malattia, alla sua origine, non è materiale; ciò che noi conosciamo della malattia è l’ultimo effetto prodotto nel corpo, la risultante di forze che agiscono per lungo tempo e in profondità… La salute è la nostra eredità, il nostro diritto, è la completa e piena unione fra Spirito, Anima e Corpo; e questo non è un ideale arduo e irraggiungibile, ma è talmente semplice e naturale che parecchi di noi l’hanno trascurato”

(Edward Bach)

Visione e Paradigmi

I cambiamenti storici epocali, in ogni campo, dall’astronomia alla fisica, dalla medicina alla psicologia, dalla religione alla conoscenza profonda di sé, sono sempre scaturiti da visioni che all’epoca non aderivano al modello più condiviso o imposto. Il cambiamento è sempre partito da visioni di egregi eretici, che spesso hanno dovuto abiurare per salvarsi la vita, oppure la vita l’hanno donata per salvare l’ideale e i discepoli, imprimendo un forte e chiaro messaggio nel cuore e nella mente del genere umano.

Parola d’ordine? Volontà e Coraggio.

”Interessante!”, ho esclamato fra me e me. Ma concretamente in cosa consiste?

”L’obiettivo di questo seminario è di imparare a volerericonoscere il proprio scopo da realizzare e impadronirsi del coraggio come strumento per il superamento dei propri limiti“.

Uno Stato, una comunità, è un organismo le cui cellule sono rappresentate dai singoli individui. In un organismo sano tutte le cellule cooperano tra loro in modo da produrre la condizione di equilibrio ideale: ciascuna svolge il suo compito secondo la propria natura, in armonia con le altre e questo mantiene tutto il corpo in uno stato di benessere.

Cosa sono e a cosa servono

In questo articolo parleremo di un argomento del tutto sconosciuto ai più ma di enorme utilità pratica. I Sette Raggi, o meglio la Scienza dei Sette Raggi, è uno degli elementi più importanti introdotti dall’esoterismo del XX secolo. Di un argomento così complesso e vasto non potremo che dare solo minimi accenni, sperando possano bastare per stimolare una riflessione non troppo superficiale, per dare spunti alla comprensione di noi stessi e del mondo che ci circonda e, perché no,  suscitare un po’ di curiosità.

Sabato 21 giugno, alle 12,52 (ora legale italiana) il Sole entrerà nel Segno del Cancro, attivando il Solstizio d’Estate, il prevalere delle ore di luce diurna, quindi.

E’ interessante che nel momento di grande luminosità dell’estate con il suo desiderio di maggior libertà, giocosità e riposo, il ‘modello perfetto’ della Ruota dello Zodiaco ci proponga, per il Cancro, l’Elemento Acqua, correlato allo stato di ricettività interiore, alla dimensione psichica, interna all’uomo. In più il Cancro è associato all’archetipo materno, al liquido amniotico che protegge il bambino in formazione, alla madre che dà il latte, quindi vita e cura, tenerezza e assistenza.

Verso la ri-scoperta di un’ Astrologia Naturale

E’ importante ricordare che l’ Astrologia è primariamente e fondamentalmente basata sul percorso annuale del Sole nei 12 Segni dello Zodiaco, lungo il percorso dell’eclittica. Il Sole, fonte di vita, calore e luce, nel suo procedere dalla primavera (Ariete) all’ultimo mese invernale (Pesci) attiva le quattro stagioni (stagioni della vita) e di mese in mese offre all’uomo un’opportunità/qualità legata a ciò che fin dall’antichità ha visto attribuire, per esempio, all’Ariete (Equinozio di Primavera) le caratteristiche di ardore, impulsività, audacia, in relazione appunto, al primo mese del potere della fioritura racchiuso nelle gemme, e al Capricorno (Solstizio d’Inverno), l’austerità, la sobrietà, lo sforzo al compimento necessario a mantenere la rotta nell’asprezza dei mesi invernali, il cui simbolo diventa la forza dell’albero privo di foglie e frutti, ma altrettanto maestoso ed Essenziale. E così via, per tutti i 12 Segni zodiacali, con altrettante sfumature, naturali e psicologiche se attribuite all’uomo e alla sua evoluzione .

Parlare di meditazione non è mai facile, si rischia sempre di finire in discorsi banali, o teorico-idealistici, e luoghi comuni…. Credo non sia possibile parlare di meditazione tout-court, ma solo di propria esperienza nella pratica della meditazione. 

“Umano troppo umano.” Queste parole di una canzone degli ACDC mi ritornano in mente ogni volta che mi fermo a pensare…ecco: mi fermo a pensare. Che cosa strana: oggi. Fermarsi e pensare e, poi, ragionare e, quindi, capire; e persino, (perché no?) comprendere; questo, però, soltanto se siamo di buon umore.

Partiamo dal compagno Renzi. Aveva tweettato qualche mese fa: “Fuori la politica dalle banche e fuori le banche dall’editoria.” “Ho detto tutto.” Ha spiegato, come Peppino De Filippo. Ha aggiunto, poi, come Gesù: “Chi ha orecchie per intendere intenda.” Lasciamo stare il fatto di credere che sia lui o meno quello capace di rivoluzionare la nostra sempre più povera Italia (e lo dico senza benché). Cosa questa altamente improbabile per molteplici ragioni che non dobbiamo esaminare qui.

Che la vita fosse altrove qualcuno l’aveva già scritto. Uno in versi e l’altro dando ad un suo bel romanzo proprio questo titolo. Non ve li ricordate? Andateveli a cercare. Sul web (pare) ci sia tutto.

Un bilancio sulla situazione attuale per ripartire dalla Letteratura.

La cultura di un popolo è il punto di origine da cui emanano la politica e l’economia, conseguono la storia e (aggiungo) la spiritualità del medesimo.  Invertire i termini della questione è più che dannoso, diventa (come sta succedendo) distruttivo.

Parlare di educazione, istruzione, formazione, del sistema scolastico, oggi è a mio avviso molto complesso in quanto spesso se ne sente parlare, ma talvolta senza cognizione di causa ed abusando dei termini come se si sfoggiasse uno stendardo. Credo, invece, che sia innanzitutto necessario soffermarsi sui termini usati e molto spesso abusati per cercare di rintracciare un percorso le cui origini si perdono nella notte dei tempi.

Credere che la Letteratura debba assolvere solo il compito di intrattenere è come illudersi che la religione abbia qualcosa a che fare con la spiritualità.

La bellezza? Quella che avrebbe dovuto salvare il mondo? Sì, proprio lei. Ma è irriconoscibile. L’hanno massacrata di psicofarmaci. Oggi, triste anche a dirsi, pare idiota.